pordenone whit love

 

 

Prenota

Cerca

Cerco disponibilita
Carico i dati
Elaborazione richiesta
PDF

 

TUTTI GLI EVENTI - PORDENONE

TUTTI GLI EVENTI - FRIULI VENEZIA GIULIA      

 

 

SPECIALE ADUNATA NAZIONALE ALPINI

 

87° Adunata Nazionale Alpini

PORDENONE

dal 9 al 11 Maggio 2014

 

Pordenone patria alpina 2014: guarda la gallery.

 

 


Le Giornate del Cinema Muto 2014
33a edizione

PORDENONE
dal 4 al 11 Ottobre 2014

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nate nel 1982 dalla collaborazione tra la Cineteca del Friuli di Gemona e Cinemazero di Pordenone, leGiornate del Cinema Muto di Pordenone – dirette dal 1997 dallo storico inglese David Robinson – si sono affermate come la principale manifestazione internazionale dedicata alla conservazione, alla diffusione e allo studio dei primitrent’anni di cinema. 

Un migliaio tra studiosi, archivisti, collezionisti, giornalisti, studenti e appassionati, confluiscono in Friuli ogni anno a ottobre per una settimana di maratona cinematografica. 


Accanto alle proiezioni, numerosi eventi collaterali come i seminari quotidiani del Collegium, le Masterclass per musicisti aspiranti accompagnatori di cinema muto, glistand dei collezionisti con rarità e cimeli. 

La sede principale del festival è il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone: scoprite nell'allegato le anticipazioni della 33a edizione in programma dal 4 all'11 ottobre 2014!


ScienzartambienteXVII edizione - per un mondo di pace

PORDENONE
dal 15 al 19 Ottobre 2014

Scienzartambiente compie 18 anni!
Dal 15 al 19 ottobre 2014 al Convento di san Francesco, in piazza della Motta, Pordenone, le parole chiave sonodesiderio, passione e responsabilità.

Cinque giorni di dibattiti, laboratori, incontri, conferenze-eventi tra ricerca scientifica, tecnologia, arte e società


Pierpaolo Mittica. Ashes / Ceneri

PORDENONE
dal 13 Settembre al 11 Gennaio 2015

 

 

 

 

 

 

 

 

Mittica nelle sue immagini non fa sconti. Racconta quanto di assurdo e di terribile l’uomo fa contro se stesso. In luoghi che per molti sono sinonimo di disastri non casuali, di guerre, nuove schiavitù e di abbruttimento; e che per altri non sono altro che usuali condizioni di esistenza, o meglio di tragica sopravvivenza.

Per questo la dura, emozionante mostra di 150 sue immagini che la pordenonese Galleria comunale Harry Bertoia propone da settembre 2014 al gennaio 2015, è di quelle che è necessario vedere. Non per osservare una altra faccia del mondo ma per essere coscienti che quello è esattamente il nostro mondo, perché quelle immagini raccontano ciò che anche a noi consente di godere uno status di privilegiati, anche in un momento storico che viviamo come difficile.

La mostra si intitola Ashes / Ceneri. Un titolo che certo fa riferimento ai devastanti effetti sociali e/o ecologici causati dallo sfruttamento degli uomini e dell’ambiente in varie parti del mondo. Ma, in positivo, indica l’urgenza di una svolta epocale e di una rinascita, proprio a partire dalla conoscenza di ciò che, anche negli ultimi decenni, è stato provocato da ciniche scelte politiche ed economiche.

Pierpaolo Mittica è un fotografo particolarmente attento alle tematiche sociali e ambientali. Si è occupato soprattutto degli oppressi, degli ultimi e delle persone che non hanno diritto di parola nei luoghi più difficili del terzo mondo. E, negli ultimi anni, ha iniziato a indagare sui più gravi disastri ecologici che hanno afflitto l’umanità e distrutto l’ambiente.

Per questa mostra, promossa ed organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pordenone, Mittica ha scelto di documentare 10 ordinarie emergenze: Balcani: dalla Bosnia al Kosovo, 1997-1999, Incredibile India, 2002-2005; Chernobyl l’eredità nascosta 2002-2007; Vite riciclate, 2007-2008; Kawah Ijen – Inferno, 2009; Piccoli schiavi, 2010; Fukushima No-Go Zone, 2011-2012; Karabash, Russia, 2013; Mayak 57, Russia 2013; Magnitogorsk, Russia 2013.

Dieci indagini che rappresentano altrettanti violenti squarci di realtà, notissime o quasi sconosciute, dove la sofferenza, l’abbruttimento, la violenza sono regolare, accettata quotidianità. Dieci storie di contasti emozionali, di mondi dove “l’altro mondo”, quello dei ricchi, fa comunque capolino in un cartellone pubblicitario, in un marchio che propaga lontani status symbol. Luoghi, o meglio “non luoghi”, fatti di violenze, dove il sorriso di un bimbo dal davanzale di un tugurio sembra comunque esprimere speranza. O forse solo temporanea illusione.

Ingresso: intero € 3,00 – ridotto € 1,00

Orario: martedì > sabato 15.30 > 19.30 domenica 10.00 > 13.00 - 15.30 > 19.30 chiuso: i lunedì, 1 novembre, 25 dicembre e 1 gennaio 2015


 

Il Volo del Jazz
10^ edizione

SACILE
8 Novembre 2014 / 15 Novembre 2014 / 21 Novembre 2014 / 29 Novembre 2014 / 12 Dicembre 2014 / 14 Dicembre 2014

 

 

 

 

 

 

E’ un traguardo importante la decima edizione de “Il Volo del Jazz”: la rassegna nata e cresciuta a Sacile proporrà, per festeggiare i suoi primi dieci anni di vita, un viaggio nel mondo del jazz internazionale, con uno sguardo attento alle nuove proposte. Sarà un jazz che vuole parlare molte lingue, con l’obiettivo di offrire al pubblico sonorità ancora sconosciute e innovative. Ma “Il Volo del Jazz” sarà anche un’occasione d’incontro per chi ama il jazz e per chi si avvicina a questo genere musicale per la prima volta. 

Al Teatro Verdi di Pordenone l’anteprima del Gregory Porter Quintet per l'apertura della decima edizione de “Il volo del jazz”, che poi prosegue al Teatro Zancanaro di Sacile con altri cinque concerti irrinunciabili, che raccontano il jazz e le sue molteplici commistioni a diverse latitudini: il groove incisivo dello svedese Lars Danielsson; la voce unica e graffiante della canadese Térez Montcalm; l’impeccabile swing del Chihiro Yamanaka European Trio; la stella californiana della tromba Ambrose Akinmusire e la nuova grande voce dell’Africa Dobet Gnahorè. A chiudere la rassegna i giovani talenti della Flight Big Band.